Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Mercoledì, 12 Maggio
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



L’Istituto Tecnico per Geometri di Sala Consilina ricorda don Peppe Diana


17-03-2010

In occasione dell’anniversario della morte di don Peppe Diana, il prete anticamorra assassinato dalla criminalità organizzata il 19 marzo 1994 a Casal di Principe, nel mentre era intento a prepararsi per dire messa, l’Istituto Tecnico per Geometri di Sala Consilina ha organizzato una giornata di riflessione. “E’ dovere della scuola educare i giovani ad essere bravi cittadini, persone oneste e morigerate – esordisce la preside Maria Antonietta Trotta- e l’educazione viene attraverso l’esempio personale ma anche attraverso il ricordo di coloro che hanno dato la vita per il trionfo del bene, della giustizia e della legalità. E allora la sospensione delle lezioni che il direttore generale ha disposto per il 19 marzo non doveva rimanere sconosciuta nella motivazione che è la commemorazione e il ricordo di una persona che è morta sull’altare per difendere la giustizia, la giustizia terrena e quella divina. Don Peppe Diana va ricordato in questo giorno ma va fatto conoscere ai giovani che purtroppo a volte ignorano la nostra storia”. Poi si parla del messaggio accorato ma semplice che il noto prelato ha voluto rivolgere ai giovani: “Il messaggio che don Peppe Diana ha voluto lanciare a tutti i giovani era quello di non barattare mai la propria dignità – aggiunge la presidente del consiglio comunale di Sala Consilina Maria Stabile- i veri valori, quelli che ci permettono di sperare in un domani quanto meno vivibile sono il rispetto della propria e dell’altrui dignità, il rispetto delle regole e della legge. Un concetto che meglio si sintetizza nella frase: Libertas est potestas faciendi id quod iure licet (La libertà consiste nel fare ciò che la legge permette). Non va mai dimenticata la figura di don Peppe Diana perché significa non solo ricordarlo per quello che era ma testimoniare ogni giorno il suo messaggio di impegno civile, la sua lotta alla criminalità organizzata, la costruzione di giustizia sociale nella nostra comunità e l’amore verso la propria Terra, la nostra Terra”. Parole molto toccanti accompagnate da applausi scroscianti carichi di un ricordo che non avrà mai fine, un ricordo di uomini che hanno fatto la storia della nostra regione. “A me è nuova la figura di don Peppe Diana però credo che sia giusto dedicare giornate di riflessione su persone come lui perché si devono ricordare le grandi cose che ha fatto e che strenuamente ha sostenuto contro tutto e tutti – replica il rappresentante d’istituto Raffaele Scaffa- sono certo che questa giornata ci lascerà qualcosa di molto significativo”. Attenti e ricettivi gli allievi della scuola salese hanno ascoltato le parole di don Gianni Citro che si è lanciato in una profonda e trascinante riflessione sulla legalità e sulla camorra che agisce anche in mezzo a noi senza bisogno di organizzarsi: “Ho voluto far mio il messaggio di don Peppe Diana nella mia piccola storia di prete in questa area del Sud Salernitano- dice don Gianni- messaggio che ha radici negli incontri con don Peppe che è un uomo più che mai vivo e presente nelle vicende di questo popolo e di questi territori perché era un uomo veramente innamorato del Vangelo e del popolo. Quel suo documento bellissimo, una specie di testamento spirituale: Per amore del mio popolo non tacerò, racconta il grande impegno e desiderio di questo sacerdote di illuminare la vita della gente, di smascherare tutti i fenomeni di malavita e di menzogna che spesso si insinuano nel vissuto quotidiano anche della gente semplice e soprattutto nei meccanismi di controllo del potere. Don Peppe Diana è un uomo attuale, spero che da oggi ogni studente e ogni docente possa elaborare un suo percorso di pensiero perché possano nascere fermenti di novità. L’amore per la Giustizia può smantellare ogni forma di illegalità e non bisogna avere paura di desiderare cercare e raccontarla, la giustizia ha molte facce ed è simbolo del desiderio di molte persone. Credo che il desiderio della Giustizia che, è un desiderio naturale del cuore umano, deve diventare concretezza di impegno e realizzarlo può e deve cancellare i fantasmi della camorra”.                                         

Antonella Citro    



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro