Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Mercoledì, 19 Gennaio
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



VI Giornata della Prevenzione del Carcinoma Prostatico organizzata dalla LILT


18-04-2009

Si è svolta questa mattina nella “Sala Bottiglieri” di Palazzo Sant’Agostino, la VI Giornata della Prevenzione del Carcinoma Prostatico, organizzata dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori – Sezione Provinciale di Salerno, in collaborazione con il CONI, il Rotary Club Salerno Est, la Provincia di Salerno, l’Asl Salerno 2, Confagricoltura Salerno, la Croce Rossa Italiana, l’Associazione Dopolavoro Ferroviario, il Rotaract Club Salerno Distretto 2100 e l’Interact Club Salerno.
Il tema del convegno è stato “Stili di Vita: Alimentazione ed Attività Fisica strumenti di prevenzione” per rimarcare l’importanza assolutamente fondamentale di una dieta corretta ed equilibrata e di una costante pratica sportiva nella efficace prevenzione delle principali patologie tumorali.
I lavori sono stati introdotti dal direttore della Coldiretti Consalvo: contenitori contenenti prodotti tipici locali, utili nella prevenzione delle principali forme di tumore. «L’Agricoltura – ha dichiarato – è il giusto partner tecnico per questa iniziativa della LILT, giacché gli stessi agricoltori hanno a cuore la salute del cliente. Abbiamo sposato con grande entusiasmo questa manifestazione e ci auguriamo che il nostro apporto concorra a farla crescere in modo da veicolare, in modo sempre più efficace ed incisivo, il messaggio della prevenzione, della corretta alimentazione e della promozione dei prodotti di eccellenza dell’agricoltura della Piana del Sele».
«La prevenzione è assolutamente basilare nella lotta al cancro – ha aggiunto il presidente della LILT Salerno, Dr. Giuseppe Pistolese – ed è necessario un impegno più intenso su questo versante. La Campania è tra le regioni italiane meno attive sul fronte della prevenzione, che pure rappresenta la prima arma utile per qualsiasi attività umana, sia sul fronte sanitario che su quello delle calamità naturali».
«Bisogna inculcare la cultura dell’attività fisica – ha aggiunto la Dr.ssa Marina Sessa Responsabile Dipartimento Medicina dello Sport ASL SA 2 – perché lo sport interviene in maniera incisiva nella prevenzione di molte forme tumorali ma anche di altre patologie. È importante l’assunzione di frutta e di verdura, ed una corretta cura del corpo. Quelle comunemente definite “maniglie dell’amore”, nella realtà, sono il sintomo di una dieta non corretta e pericolose per la salute. È importante allora affrontare subito una visita medico-sportiva per individuare la disciplina più adatta alle proprie caratteristiche, alle proprie necessità ed alle proprie attitudini».
«Anche il CONI – ha aggiunto l’Avv. Guglielmo Talento Presidente Provinciale Coni Salerno – è attivamente impegnato sul fronte della diffusione della pratica sportiva. Abbiamo creato azioni sinergiche con le scuole e con il Ministero per l’Università e la Ricerca scientifica partendo nelle fasce più basse, nei giovani, al fine di formarle su queste tematiche in una età in cui maggiore e migliore è la predisposizione all’apprendimento. Salerno è l’unica città della Campania sede di un progetto pilota che mira a sopperire alla diffusa carenza di poli di aggregazione e alla forte dispersione. In simili contesti i giovani si rifugiano in altre attività non certo salutari. Con questi centri vogliamo diffondere la cultura della pratica sportiva e l’importanza delle attività motorie, coinvolgendo anche la famiglia, che deve capire quanto il giusto equilibrio tra alimentazione e attività fisica possa essere rilevante per lo sviluppo fisico e la salute del giovane».
La Dr.ssa Clementina Savastano Dirigente responsabile dell’U.O. Complessa di Oncologia Azienda Ospedaliera Universitaria “S. Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona“ ha rimarcato il ruolo significativo svolto dai familiari che si occupano dell’assistenza e dell’accompagnamento nei malati oncologici. «Il loro impegno – ha detto – non viene socialmente e umanamente riconosciuto. Eppure spesso incide marcatamente anche sulla loro salute, tant’è che in queste persone aumenta la frequenza e la probabilità di imbattersi in determinate patologie, anche gravi». Per la dottoressa Savastano è necessaria una più organica ed efficace «assistenza sanitaria domiciliare, in Campania del tutto inesistente».
Gaetano Lombardi Direttore del Dipartimento di Endocrinologia ed Oncologia Molecolare & Clinica dell’Università “Federico II” di Napoli ha sottolineato l’importanza di una pratica sportiva avviata già in età scolare. «Già gli antichi – ha detto – avevano scoperto la stretta correlazione tra sport, dieta e la frequenza di alcune forme di tumore. Oggi possiamo tranquillamente affermare che il 30% dei tumori è dovuto a una dieta sbagliata». I consigli? «Poca, pochissima carne rossa, poco sale, uso moderato di alcolici, molta frutta e verdura».
Conclusioni affidate al Dr. Antonio Brando Presidente del Rotary Club Salerno Est e organizzatore delle giornate salernitane di prevenzione del carcinoma prostatico. «L’educazione alla saluta è doverosa, irrinunciabile, assolutamente importante e determinante. Un ruolo fondamentale – ha detto – deve essere svolto dal mondo dell’informazione, che deve aiutare a comprendere i fattori di rischio ed a diffondere gli stili alimentari più corretti. La prevenzione comincia dall’infanzia». È bene quindi rispolverare una mela o una carota per le tradizionali merendine per i più piccoli, accantonando e scartando patatine, cracker, briosce o, peggio, i prodotti di pub e trattorie «che – ha detto il dottor Brando – non dovrebbero mai essere autorizzati in un raggio di 2-300 metri dagli istituti scolastici».
Nel pomeriggio la manifestazione è proseguita a Villa Carrara, a Pastena e al Dopolavoro Ferroviario di via Dalmazia con la consegna del “Sacco di Vitamine” con prodotti naturali offerti dalla Confagricoltura, strumenti naturali di chemioprevenzione.
Ai partecipanti è stato inoltre consegnato un coupon per poter effettuare gratuitamente il dosaggio del PSA Libero, totale e Ratio, presso i laboratori aderenti all’iniziativa:
- Biodata srl - Via Diaz, 22 - Tel. 089.224802 (SA)
- Diagnostica Grimaldi - Via Farro, 4 - Tel. 089.752558 (SA)
- Dr. Paolo Cicatelli - Via R. Giordano - Tel. 089.221311 (SA)
- Centro Check Up - Via D. Cioffi Zona Ind.le - Tel. 089.771010 (SA)
- Analisi Cliniche Conforti - Via Mobilio, 16 - Tel. 089.405081 (SA)
- Biolabor - Via Diaz, 30 - Tel. 089.228317 (SA)
Durante le operazioni di screening diagnostico sarà inoltre possibile prenotare una visita specialistica urologica o consulto gratuito – presso l’ambulatorio Urologico della LILT di Salerno, in via Vernieri, Asl SA2, dal 25 al 29 maggio dalle ore 15:00 alle ore 18:30. Le visite specialistiche o i consulti potranno esssere prenotati anche telefonicamente, contattando la segreteria LILT Sezione di Salerno allo 089 220197.

Remo Ferrara
 




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro