Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Martedì, 18 Gennaio
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Aeroporti: il piano di Passera per dimezzarli, Salerno scalo strategico e meta di low cost e cargo


23-08-2012

Dimezzare il numero degli aeroporti italiani e rafforzare le infrastrutture degli scali superstiti senza alcun intervento da parte dello Stato. Questo l'obiettivo del nuovo piano allo studio del ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera. Come scrive oggi "La Repubblica", la questione potrebbe essere affrontata dal Governo già nel corso del prossimo Consiglio dei ministri, in calendario per venerdì 24 agosto.

Secondo il progetto - definito insieme all'Enac - degli oltre 60 aeroporti oggi in attività nel nostro Paese ne resterebbero in vita una quarantina, anche se lo scopo finale sarebbe di scendere fino a 33. La maggior parte degli scali minori dovrà quindi chiudere i battenti, a meno che Regioni e Comuni non decidano di investire le proprie risorse per farli sopravvivere.

"Con questo schema definitivo - spiega il presidente dell'Enac, Vito Riggio - gli investitori avranno la certezza di poter decidere su cosa e quanto investire nel settore, mentre il Paese avrà modo di pensare a quali infrastrutture dovranno servire gli scali più importanti. Tutti gli altri aeroporti passeranno agli enti locali, che decideranno se vorranno impiegare soldi pubblici per tenerli in vita".

Il viceministro alle Infrastrutture, Mario Caccia, ha confermato oggi a margine del Meeting di Comunione e liberazione a Rimini che "il piano nazionale aeroporti dovrà trovare conclusione entro l'anno. Non è tollerabile che in un Paese che deve migliorare l'impiego delle proprie risorse vi sia una quantità di aeroporti che non rispondono a una logica, a una esigenza dell'economia, ma solo al fatto che stanno lì. Noi dobbiamo recuperare risorse, evitare gli sprechi".

Quanto ai numeri diffusi dal quotidiano, Ciaccia ha spiegato che "la filosofia della riduzione c'è tutta, ma quello che stiamo studiando non è esattamente la stessa cosa. Diciamo che i numeri sono diversi".

Vediamo ora quale dovrebbe essere il destino dei principali aeroporti italiani:

ROMA FIUMICINO

Il principale hub nazionale da cui transiterà il grosso del traffico nazionale e internazionale da e verso il Centro Italia. Adr ha già predisposto il masterplan da qui al 2030.

ROMA CIAMPINO

Si trasformerà in "city airport" ed ospiterà solo traffico nazionale.

VITERBO

Nuova struttura, ancora tutta da definire, destinata alle low cost. Gli investimenti necessari dovrebbero essere di almeno 1,7 miliardi di euro.

MILANO MALPENSA

Si rafforzerà come scalo intercontinentale e multivettore.

MILANO LINATE

Come Ciampino dovrebbe diventare un "city airport", ma anche uno scalo privilegiato per la clientela business diretta in Europa.

TORINO E GENOVA

Saranno considerati "scali strategici" e manterranno importanti collegamenti nazionali e internazionali.

VENEZIA

Definito nel piano "nodo intermodale strategico e gate intercontinentale" che, insieme agli scali di Treviso e Trieste, costituirà "la porta d'accesso privilegiata all'Europa orientale".

BOLOGNA

Diventerà scalo strategico del Centro Nord con il sussidio di Pisa (low cost) e Firenze (business).

NAPOLI, CAPODICHINO E GRAZZANISE

Confermata la natura di "polo strategico" per Capodichino, che sarà ulteriormente integrato con lo scalo di Salerno, in attesa che venga realizzato il nuovo scalo di Grazzanise, su cui sarà dirottata buona parte del traffico campano. A quel punto Salerno diventerà meta di low cost e cargo.

BARI E BRINDISI

Il primo è considerato "polo strategico", dove transiteranno soltanto voli di linea. La vocazione di brindisi sarà invece quella del low cost.
Fonte http://www.firstonline.info




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro