Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Giovedì, 15 Aprile
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



la partita Italia - Lussemburgo dedicata alla campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne


28-05-2012

Martedì 29 maggio la Nazionale di calcio dedicherà alla campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne la partita Italia-Lussemburgo, in programma allo stadio Tardini di Parma. “La violenza sulle donne è un problema degli uomini. Insieme possiamo vincere questa partita” è lo slogan scelto dalla FIGC “per condividere proposte e programmi che varie organizzazioni e movimenti di opinione stanno portando avanti in tutta Italia”.
Sugli spalti le donne potranno entrare gratis: già da ora le tifose possono recarsi in uno dei punti vendita Ticket One sparsi sull’intero territorio nazionale e richiedere, dietro presentazione di regolare documento di riconoscimento, un biglietto omaggio per un qualsiasi settore dello Stadio Tardini fino ad esaurimento dei posti.
La partita sposa la campagna “Mai più complici”, promossa da Se Non Ora Quando con Loredana Lipperini e Lorella Zanardo. “Per noi è un grande onore avere la Nazionale al nostro fianco – dice Luisa Rizzitelli di Se Non Ora Quando – perché, oltre ad essere amatissima e quindi un eccellente veicolo di comunicazione, ha saputo comprendere subito quello che per noi e’ determinante: avere gli uomini in prima linea in questa battaglia”
Lanciato nelle settimane scorse, dopo l’ennesimo assassinio di una donna, l’appello “Mai più complici” chiede al governo e alla società civile di mobilitarsi e mettere in campo azioni concrete per fermare la violenza contro le donne in Italia. Sono 56 le donne morte da inizio anno e per questo motiv osi richiede ai media di cominciare a chiamare questi episodi con l’unico nome che spetta loro, femminicidio. Solo in questo modo, sostengono le promotrici, “potremo evitare che le storie delle vittime si perdano, confuse nelle pagine della cronaca nera”.
L’appello ha avuto adesioni trasversali dal mondo della politica, da quello dello spettacolo, dai sindacati, dallo sport e dalla società civile.
Ai giornalisti, in occasione della partita della Nazionale, chiediamo uno sforzo: schierarsi con noi, parlare nelle radio, nelle televisioni e sui giornali di questa iniziativa per aiutarci a mettere fine a questa strage silenziosa. “MAI PIU’ COMPLICI” COMPRENDE ANCHE VOI!

Comitato Se non ora quando – Vallo di Diano
 




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro