Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Martedì, 18 Dicembre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Cittadinanzattiva Campania su questione petrolio: quale futuro per il Vallo di Diano, Turismo, cultura e prodotti di qualitą o uno scenario in cui vivere tappandosi il naso in cambio di un misero bonus?


29-02-2012

Petrolio Lucano: Nuove ricerche della Shell
Quale futuro per il Vallo di Diano: Turismo, cultura e prodotti di qualità o semplicemente uno scenario da terzo mondo in cui vivere tappandosi il naso in cambio di un misero bonus?

E’ da alcuni giorni che si e’ diffusa la notizia che la Shell intende trivellare per sondaggi un’area molto vasta nel Vallo di Diano, anche se l’istanza relativa al permesso di ricerca venne presentata il 23 settembre 2005; da allora, quando la notizia apparve sul Bollettino Ufficiale degli Idrocarburi e della Geotermia (il n.10 del 31.10.2005), nessun ente si e’ curato di reagire. Infatti la corsa alla valorizzazione delle risorse locali tramite i vari progetti finanziati e’ stata notevole oltre che lodevole, si pensi ad es. a Progetti Leader, Patti Territoriali, Patti Agricoli, PIT Certosa, PIT Parco, PIR, misure del POR e del PSR, ecc..) grazie alle quali sono stati messi a punto molte attivita’ imprenditoriali ed investimenti.
Poi, tutto ad un tratto perviene ai sindaci del nostro Vallo la comunicazione che il colosso Shell “deve” eseguire i sondaggi e probabilmente in futuro “dovrà” estrarre il petrolio.
Alcune considerazioni sono doverose.
1).Se la Regione, lo Stato e la Comunita’ Europea, oltre che gli Enti locali, sponsorizzano una linea di sviluppo basata sullo scenario ecocompatibile con notevoli investimenti finanziari, non e’ pensabile di ignorare da un momento all’altro quanto e’ stato fatto dicendo al territorio “ragazzi abbiamo scherzato, da oggi estraiamo petrolio”. Qualcuno dira’ che il petrolio e’ buono e che ci serve, ma la risposta e’ che non possiamo andare contemporaneamente in due direzioni strategiche totalmente opposte quali sviluppo ecosostenibile e produzione pesante di energia, e non e’ la prima volta che lo facciamo osservare, si pensi al caso della Centrale a Biomassa di Atena Lucana.
2).Nessuno vuole ignorare la valenza del rinvenimento di importanti giacimenti di petrolio nel nostro territorio, soprattutto nel momento dell’attuale congiunture, ma non facciamo gli errori del passato con scelte avventate e superficiali improntate all’improvvisazione. E’ in gioco il nostro territorio! E a che varrebbe un bonus di cento euro ad abitante, come in Basilicata, di fronte ad un ambiente invivibile e senza futuro?
Ben venga, quindi, la linea del no alle trivellazioni espressa dai sindaci, ma occorre essere energici e completi nelle determinazioni oltre che tempestivi. E poi le scelte strategiche non possono essere calate dall’alto ma devono essere studiate con il territorio e quindi condivise.
In conclusione Cittadinanzattiva del Vallo di Diano esprime la piu’ netta contrarieta’ alle trivellazioni della Shell, condivide pienamente la linea del no dei sindaci, auspica una presa di posizione concertata tra enti locali, esponenti politici e territorio, e mette a disposizione le proprie risorse regionali e nazionali, oltre che locali, per approfondire i termini della questione.

Vincenzo Langone
Responsabile Ambiente
Cittadinanzattiva Campania
 




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro