Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Lunedì, 01 Maggio
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Inferno di fuoco nel Parco nazionale del Cilento


23-08-2004

Dura prova per la macchina dei soccorsi. I piromani hanno mandato in fumo 73 ettari di macchia mediterranea
Inferno di fuoco nel Parco nazionale del Cilento

Oltre venti roghi nella sola giornata di ieri hanno tenuto tutti in allerta

Rosamaria Morinelli


VALLO DELLA LUCANIA. Venti incendi in 24 ore nell'area Parco. E' un bollettino di guerra quello fornito alle 17 di ieri dal Cta (Coordinamento territoriale per l'Ambiente) del Corpo Forestale di Vallo della Lucania, impegnato sul fronte del fuoco con le squadre dei vigili del fuoco di Vallo della Lucania e i servizi antincendio delle ComunitÓ montane. Complice il vento alzatosi nel week end, che ha dato manforte ai piromani, 73 ettari di pascolo, macchia mediterranea e terreni incolti sono andati in fumo tra sabato e domenica. Nessun dubbio sulla matrice dolosa dei roghi, aumentati vertiginosamente dopo Ferragosto secondo un primo provvisorio bilancio fornito dal coordinamento per l'ambiente di Vallo, diretto dal dottor Francesco Colace. La tregua di giugno e luglio non Ŕ durata e, a detta degli esperti, Ŕ stata in gran parte alimentata dall'erba non tagliata, cresciuta con le abbondanti piogge primaverili che, assieme alle condizioni climatiche, ha fatto da combustile all'opera dei piromani. I primi focolai del fine settimana sono scoppiati poco dopo il tramonto il sabato, tra le 19 e le 21, e hanno provocato roghi di vaste dimensioni, bruciando in media una superficie pari a 5 ettari. Il buio non ha favorito i soccorritori, che sono riusciti comunque a spegnere tutte le zone incendiate. Le fiamme si sono sprigionate in particolare da aree di privati lasciate a sÚ stesse, coperte da vegetazione secca. Il pi¨ danneggiato Ŕ stato il territorio della comunitÓ montana ''Alento e Montestella'', attraversato dal fuoco per 54 ettari dal mare fino ai versanti della montagna. Le zone pi¨ colpite sono state quelle a cavallo della strada costiera, l'ex statale 267: segnalazioni sono giunte da Castellabate, Agropoli, Agnone, San Mauro Cilento, Serramezzana, Laureana Cilento. Circa 10.000 metri di sterpaglie sono stati aggrediti dal fuoco lungo la variante alla statale 18 ''Cilentana'', al bivio di Rutino e di Ostigliano e tra Vallo Scalo e Casal Velino Scalo. Limitati i danni, nÚ si sono registrati disagi nella circolazione del traffico veicolare. Esteso invece l'incendio che ha colpito 10 ettari di pascolo e macchia di localitÓ Chiusura di Camerota: il personale impegnato nello spegnimento ha arginato le fiamme prima che raggiungessero un campeggio. A Sapri, ai confini con la Basilicata, e a Corleto Manforte, dove era minacciato un bosco secolare, il Cta ha chiesto l'intervento dell'elicottero regionale per evitare l'avanzamento del fronte del fuoco. Di minore entitÓ altri focolai spenti tra sabato e domenica. Piccoli interventi ad Agnone, Agropoli-Fonte e Laureana per i caschi rossi. I piromani hanno atteso questo finale d'estate per intervenire. Fino a ieri infatti, l'entitÓ degli incendi non era stata preoccupante tanto che, si sperava che si uscisse indenni dall'incumbo incendio. Una aspettativa tradita da Nord a Sud, come dimostrano le cronache di questi giorni.
Fonte: La Citta di Salerno



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro