Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Lunedì, 10 Dicembre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Codacons sulla gestione idrica: il Consac non si smentisce, affermando un principio per noi assurdo


14-06-2011

Una breve premessa
La gestione del servizio idrico integrato nell’ambito dell’area del Parco del Cilento (sic!) verrà affidata alla società CONSAC S. p. A. per mezzo di un delibera dell’Assemblea dell’Autorità di Ambito Sele del 15 marzo 2011. Il sindaco di Sala Consilina, Gaetano Ferrari, consigliere di amministrazione dell’ATO 4, oltre a rappresentare Sala Consilina nella suddetta Assemblea, ha avuto al suo attivo ben otto deleghe dei seguenti paesi del Vallo di Diano: Atena Lucana, Buonabitacolo, Casalbuono, Pertosa, Salvitelle, San Rufo, Sanza, Sassano. Nel verbale di questa assemblea, reperibile su rete, si parla esplicitamente di gradualità della crescita dei livelli tariffari rispetto a quelli attualmente in uso. Secondo il Dirigente Tecnico dell’Ente ATO 4, tuttavia, il CONSAC non possiede uno Statuto adeguato a permettere questo allargamento delle competenza su altri comuni. Infatti, citando questi aspetti della questione, egli afferma: “… nel momento in cui si contrattualizza con questi elementi siamo assolutamente tacciabili da parte dell’autorità garante di diciamo inadempienza rispetto a dei principi dell’affidamento in house con tutte le conseguenze di legge e di responsabilità personali e dell’ammnistrazione”.

La carta dei servizi
Noi pensiamo, inoltre, che il CONSAC S. p. A. non possieda una Carta dei Servizi adeguata a rendere un servizio soddisfacente (che si possa veramente chiamare “pubblico”) all’utente. Vediamo, infatti, alcune perle contenute nella Carta dei Servizi:
- La custodia dell’impianto nella sua complessiva configurazione è a carico dell’Utente che ha l’obbligo di comunicare all’Azienda qualunque guasto, perdita o disfunzione in qualunque punto dell’impianto
- Tutte le perdite di acqua verificatesi per qualsiasi motivo dopo il contatore sono a carico dell’Utente, così come le perdite verificatesi nella tubazione di derivazione.
- L'Utente ha l’obbligo di comunicare la lettura all'Azienda, o di sollecitarla, se trascorso un anno dalla lettura precedente, non è stata eseguita la successiva.
- La morosità connessa al mancato pagamento della bolletta o di contestazione non accettata da luogo alla chiusura dello sbocco.

Ultime nuove e conferme dei nostri sospetti
A Sassano, in via Limiti, vi è da tempo una perdita di acqua ai bordi della strada al di fuori del contatore di un utente. Lo stesso diligente utente aveva già segnalato, ripetutamente, il guasto alla rete con la conseguente perdita del prezioso liquido. La stessa linea, che va da Ponte Chianche a via Limiti, è da ultimo soggetta a guasti di questo genere. Il nostro utente ha sollecitato più volte l’intervento del CONSAC S. p. A. La stessa ditta, per tutta risposta, in via un telegramma in data 10-06-2011 (ore 8:58) che testualmente recita:

INVITASI RIPARARE LINEA IDRICA PRIVATA VIA LIMITI ENTRO 24 ORE. IN MANCANZA ESEGUIREMO RIPARAZIONE E ADDEBITEREMO SPESE.

Non si comprende questa definizione di linea privata. Questo, tuttavia, è solo un esempio di ciò che accadrà agli utenti del Vallo di Diano se la rete idrica dei vari Comuni, i cui sindaci hanno consegnato le loro deleghe nelle mani del consigliere di amministrazione dell’ATO 4, verrà ceduta al CONSAC S. p. A.

Il Responsabile della Sede
dott. Roberto De Luca
 




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro