Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Mercoledì, 26 Aprile
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Sant'Arsenio: Angelo Bruno nella sua prigionia ha costruito armi


25-02-2011

Dopo la toccanti storie di deportazione di Ottavio nella città di Gross-Rosen, nel ricordo di chi ha vissuto le atrocità e l’orrore dell’Internamento nazista, e di Mario, figlio di Giuseppe Di Pierri di Montesano, “la cavia e lo schiavo di Hitler” oggi vogliamo raccontare la deportazione e la prigionia di Angelo Bruno di Sant’Arsenio attraverso i ricordi e la voce del figlio Biagio Comandante di Polizia di Stato di Salerno. Angelo Bruno di Sant’Arsenio, Giuseppe Di Pierri di Montesano e Ottavio Ferro di Sassano, purtroppo tutti è tre scomparsi da diverso, hanno avuto l’attestazione di merito nella Cerimonia di riconoscimento di Giovedì 9 dicembre, del teatro Augusteo di Salerno, dove il Prefetto di Salerno il Dott. Sabatino Marchione, consegnò a parenti e reduci ancora in vita la Medaglia D’Oro del Presidente della Repubblica. Tra i 22 Riconoscimenti, c’erano anche i tre deportati del Vallo di Diano, a ritirare le medaglie al loro posto sono stati i loro figli.
Con voce a tono un ‘po’ soffocata dall’emozione inizia parlare di suo Padre “… mio padre Angelo era figlio di agricoltori, di Gaetano e Cornetta Maria Rosario, era il quinto di tredici figli, prima dell’arruolamento nelle Forze Armate svolgeva l’attività di elettricista. Nell’anno 1937 è entrato nell'esercito in qualità di militare di leva nella Regia Aeronautica e destinato ad Orvieto ed inviato al fronte greco-albanese, nell’anno 1938, per le sue grandi capacità professionali, con il grado di primo aviere scelto motorista di bordo all’aeroporto militare di Puntisella Pola. Il 9 gennaio 1943, veniva catturate dai tedeschi e trattenuto in stato di cattività in territorio germanico dal 12 settembre 1943 fino all’11 settembre 1945 presso il campo di concentramento stalag 2B di Stangard, situata sul Mar Baltico. Nella seconda guerra mondiale, l'aeronautica tedesca creò gli Stalag Luft per detenere gli avieri ed il personale dell'aviazione nemica, fossero ufficiali o meno
Gli Stalag furono in uso sia nella prima che nella seconda guerra mondiale per i non ufficiali (truppa semplice nell'esercito americano, altre truppe nelle forze del commonwealth britannico).
Di questo tragico periodo particolare, ricordi non ne ha mai descritto, anche se le sofferenze sono state tantissime. In famiglia, al ritorno dalla prigionia, il mio padre, non ha mai voluto parlare di tale periodo, perché sottoposto ad umiliazioni oltre che a lavorare senza alcun guadagno per l’economia bellica, con la costruzioni di armi. Dopo quel periodo tante cose, nella sua vita cambiarono e segnarono i suoi anni e il suo animo. Per questo, aveva, anche un’po di rancore ed amarezza verso la Repubblica Italiana, si era, quasi dimenticato di coloro che erano stati internati nei lager nazisti perché si erano rifiutati di collaborare. Comunque sono sempre grato per l’attestazione che ho ricevuto a sua memoria il 9 dicembre 2010….” “...Devo, però, riconoscere che l’Amministrazione comunale di Sant’Arsenio - conclude Biagio Bruno- è abbastanza attenta a queste persone, anche perché, con i tempi che corrono non ne ha la possibilità economica, i giovani si allontanano sempre più, specialmente, chi, in famiglia, non ha toccato con mano o ha vissuto in prima persona queste tragedie. La memoria di questi fatti, senza alcuna retorica, andrebbe sempre tenuta viva e trasmessa alle nuove generazioni…un merito particolare va, anche al Consigliere Francesco Spinillo, che nonostate la sua giovane Età, si è dimostrato molto sensibile ed attento a queste vicende ed avvenimenti”


MICHELE D’ALESSIO
 




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro