Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Sabato, 24 Giugno
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Sassano: "mio padre per due anni ha vissuto l'inferno - per sopravvivere si mangiava anche carne umana"


15-12-2010

Giovedì mattina (9 dicembre) nel teatro Augusteo di Salerno, il Prefetto di Salerno il Dott. Sabatino Marchione, ha consegnato a parenti e reduci ancora in vita la Medaglia D’Oro del Presidente della Repubblica. La cerimonia si è svolta, in un’atmosfera commovente ed emozionante tra ricordi e reminiscenze atroci dei deportati nei Lager nazisti, ma non sono mancate nemmeno le critiche ed i rancori ed è emblematica l’espressione Letteraria di Vincenzo Pezzato 93 anni di Vibonati “ Dopo 65 anni, qualcuno si ricorda di noi e di ciò che abbiamo vissuto, abbiamo visto morire migliaia di compagni, torturati e massacrati…”. Tra i 22 Riconoscimenti, c’erano anche tre del Vallo di Diano, Angelo Bruno di Sant’Arsenio, Giuseppe Di Pierri di Montesano e Ottavio Ferro di Sassano, purtroppo tutti è tre scomparsi da diverso Tempo, a ritirare le medaglie al loro posto sono stati i loro figli accompagnati dai Sindaci o delegati del loro Comune di Provenienza. Toccare e parlare di questi argomenti e storie è sempre molto delicato e non sempre facile chi li ha vissuti, ma per non dimenticare di chi ci ha regalato la libertà e l’indipendenza in cui viviamo, ci siamo promessi di raccontare o almeno di dare un breve ricordo di questi uomini, anche se, attraverso, le narrazioni e i ricordi dei figli. Iniziando da Ottavio Ferro di Sassano. A riceverci a casa, anzi sul ingresso di casa, anche se fa un freddo da brividi e da ribrezzo (il cielo si sta già preparando al primo anticipo di neve) ma questi, non sono niente rispetto a quelli che verranno più avanti. Ad accogliermi cortesemente è direttamente Domenico Ferro, figlio di Ottavio, maresciallo in servizio dell’esercito, ci accomodiamo in salotto, sulle pareti si scorgono innumerevoli foto e riconoscimenti del ministero della Difesa e della Repubblica Italiana, oltre a suoi personali di Domenico, anche i meriti al Valore militare di suo padre Ottavio.

Dopo le solite chiacchiere di rito, inizia a parlarmi di suo padre ma con questa premessa “…mi avrebbe fatto piacere, che sia il riconoscimento del prefetto, fosse stato fatto direttamente a mio padre, e che qua ci fosse stato Lui al mio posto, il merito di questo è tutto suo, e Lui che ha sacrificato i migliori anni della sua giovinezza, della sua vita in guerra (nove anni), per il suo paese… mi dispiace solo che questi riconoscimenti sono avvenuti dopo sedici anni dalla sua morte (1994) …ma è solo una consolazione morale…” E’ visibilmente commosso, è non lo nasconde, poi si scioglie ed apre il suo “animus confidendi” e inizia a parlami di suo padre “…Mio padre è nato a Sassano il 16 Settembre del 1916, nel bel mezzo della prima guerra mondiale, è sempre vissuto qua a Sassano, con tutta la sua famiglia, anche dopo il congedo militare dalle Armi, avvenuto nel 1945. Prima di essere arruolato nell’esercito, come quasi tutti i giovani dell’epoca faceva il contadino e aiutava nell’azienda di famiglia, quando capitava si faceva qualche giornata di lavoro, come operaio o per il Consorzio di Bonifica del fiume Tanagro, erano tempi difficoltosi, per qualche lira si faceva di tutto, per se e la sua famiglia. Poi, nel 1936, a 20 anni, appena compiuti, fu chiamato alle armi, che dopo un breve periodo di addestramento, fu inviato in Africa, per le guerre Coloniali dell’Africa Orientale (dal 9 maggio 1936,Unione di Eritrea, Abissinia e Somalia Italiana) dove ha combattuto per quattro anni fino al 1940, dove ha fatto sei campagne di guerre, per questo gli sono state riconosciute tre croci al merito, anche in questi anni, ne ha visto di atrocità e di vittime, anche innocenti, ma non erano niente rispetto a quello che succedeva nelle colonie Africane a dominio Tedesco. Nel 1940, tornato in Italia, dopo un congedo breve, di pochi mesi, fu richiamato alle armi, prima per l’addestramento delle giovani leve appena arruolate poi fu mandato in prima linea , sul fronte dei Balcani, per due anni ha combattuto in Grecia, Albania e nel ex Iugoslavia (attuale Croazia) fino all’Otto Febbraio del 1943, il giorno in cui fu fatto prigioniero dai Tedeschi, gli fu chiesto di collaborare con i Tedeschi, ma Lui come tanti altri Italiani si rifiutarono, per questo fu deportato e internato nel campo di concentramento nazionalsocialista di Gross-Rosen situato presso l'omonima città di Gross-Rosen (oggi Rogočnica in Polonia) in Bassa Slesia. Per due anni rimase lì, fino alla liberazione dell'accampamento avvenuto il 14 febbraio, 1945, dal Esercito rosso (Armata n.52 Sovietica). Dai racconti di mio padre , furono due anni di vero inferno, lavorò nelle miniere di carbone o nelle cave di pietra. Venivano picchiati, umiliati e offesi nella loro dignità. Ogni sera, a fine giornata venivano pesati, e chi era meno di 40 chili veniva bruciato vivo, era ritenuto non idoneo, per questo e per la sopravvivenza si mangia di tutto, a volte anche carne umana. Le atrocità erano mostruose. I detenuti dei lager subivono maltrattamenti perversi, la fatica del lavoro forzato che li portava alla morte, la fame, tutte le atrocità che conosciamo anche attraverso testimonianze di persone che hanno vissuto quei momenti, ci continuano a toccare profondamente in un dolore sempre nuovo, portarono alla morte migliaia di donne e uomini attraverso terribili tormenti.
Gross-Rosen è famoso per il brutale trattamento riservato ai prigionieri, principalmente resistenti alle forze tedesche catturati e deportati senza processo e senza che nessuno, neppure i parenti più stretti, sapesse nulla circa il loro destino (e per questo scomparsi nella «notte e nella nebbia»). La maggior parte della popolazione del campo era comunque formata da ebrei. La popolazione ebrea del campo proveniva principalmente dalla Polonia e dall'Ungheria ma non mancarono internati da Belgio, Francia, Grecia, Jugoslavia, Slovacchia ed Italia. Pensate in due anni ci furono circa 125.000 deportati, che transitò per il complesso e si stima che di questi circa 40.000 siano morti per il lavoro o durante le marce forzate di evacuazione, fino alla liberazione del campo (14 febbraio 1945). Libero, mio padre torno a piede fino al confine Italiano, dopo tre mesi di marcia (Maggio 1945) e dopo pochi mesi si congedo definitivamente” Appena passata un’po’di emozione chiediamo al Maresciallo se per questi anni di guerra, prigionia e internamento al padre gli è stato riconosciuto qualche cosa, sia morale che economici “ ..A parte la medaglia personale di bronzo di ieri, da parte del presidente della Repubblica, con inciso > Medaglia d’onore ai cittadini Italiani deportati e internati nei lager nazisti 1943/1945 > non gli stato mai riconosciuto niente altro, neanche dalle Istituzioni Locali, dal lato economico bisogna dire che anche qui ci sono state grandi beffe, oltre alle sofferenze, chi è stato prigioniere dei Tedeschi non ha mai percepito soldi, perché la Germania pur sconfitta, non ha mai pagato e riconosciuto i suoi crimini di Guerra, al contrario della Gran Bretagna. Posso aggiungere che i riconoscimenti, vengono dati non solo dopo anni, ma anche solo dietro richiesta ufficiale alla Repubblica. Anche se questo ha solo valore morale...e per mio padre e per chi ha vissuto quell’inferno contano ben poco”
C’è da chiedersi cosa fa e ha fatto l’Italia? Ci sono ancora tanti italiani che hanno consumato anni di vita o perso la vita, senza alcuna onorificenze a “…questi uomini che sono l’orgoglio di questo Paese” come li definisce il Prefetto Marchione.

MICHELE D’ALESSIO
 




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro