Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Giovedì, 19 Ottobre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Donato Pica e la valorizzazione del territorio: “Dobbiamo creare una cabina di regia che sia veicolo di chiarezza, di trasparenza ma anche di concretezza e di qualità”


06-03-2010

 

D: Al centro del suo programma politico vi è la valorizzazione della cultura e delle tradizioni locali che hanno determinato sempre effetti positivi nel Vallo di Diano.
R: Noi abbiamo diverse eccellenze che riguardano il patrimonio storico artistico culturale ma anche le risorse ambientali e naturalistiche, il tutto è però un po’ scollegato e non inserito in un progetto complessivo di valorizzazione del territorio. L’obiettivo è di dare organicità agli interventi di competenza della Regione Campania, sia nell’attribuzione delle risorse economiche sia per quel che concerne la determinazione di procedure che siano ben definite e che abbiano al centro, come si diceva, la valorizzazione del cosiddetto patrimonio di comunità. Non a caso, qualche tempo fa, ho presentato in Consiglio Comunale una specifica proposta di legge che va ad istituire questi patrimoni di comunità.
D: Di cosa si tratta?
R: Si tratta di istituzioni culturali che assicurano appunto la valorizzazione delle tradizioni locali e quando parliamo di tradizioni locali, ci riferiamo naturalmente anche alla cultura e alla musica e a tutto ciò che più direttamente appartiene alla nostra storia. Un contesto di questo tipo può e deve rappresentare il presupposto per migliorare ed elevare la qualità dell’offerta di promozione turistica, perché nonostante tutto noi dobbiamo puntare su questo aspetto specifico. Quando mi esprimo così vuol dire che vi sono altre aree del territorio salernitano e dell’intera Regione Campania che sono più forti di noi, sotto questo punto di vista per diverse motivazioni. Noi però possiamo mettere in campo molti elementi di forza, a tal proposito voglio ricordare i prodotti tipici e la enogastronomia di qualità. Ecco occorre costruire una filiera che veda insieme le istituzioni ma anche e soprattutto gli operatori privati, per definire una progettualità vasta e a lungo termine che, abbia espressione e concretizzazione non soltanto durante il periodo estivo ma in tutto l’anno. In questo modo movimentiamo il contesto sociale di riferimento e creiamo occasioni e possibilità di lavoro e in più siamo in linea con le nostre vocazioni e con le nostre tradizioni.
D: Dunque cosa occorre fare?
R: Occorre un grande lavoro, occorre sinergia tra le varie rappresentanze istituzionali, i Comuni, le Comunità Montane l’ente Parco Nazionale Cilento e Vallo di Diano, la Provincia e infine la Regione che utilmente può svolgere ruolo di sintesi e coordinamento. Ritengo che questo sia un elemento forte e significativo del nostro programma elettorale che da valenza e prospettiva in particolare ai nostri centri storici tutti molto belli ma, spesso abbandonati, con un incremento molto preoccupante delle popolazione residente con l’allontanamento dei giovani che, purtroppo per tante ragioni, sono costretti ad emigrare ed andare altrove. Allora occorre pensare ad una idea vincente che accompagni la voglia di riscatto che c’è ed è percepibile e faccia capire ai cittadini che c’è possibilità di essere protagonisti ed artefici del proprio destino.
D: Se pensiamo all’esistenza di altre realtà e tradizioni esterne al Vallo di Diano e Cilento, come possono fare leva sul territorio nel quale viviamo?
R: Vi sono dei percorsi amministrativi previsti dalle vigenti normative regionali che vanno utilizzati al massimo, accedendo alle incentivazioni finanziarie previste e partecipando ai diversi bandi che poi vengono pubblicati nel corso dell’anno. Questo però non ci deve fare cadere in un altro errore che è quello della polverizzazione della frammentazione degli interventi, perché molto spesso si concedono sostegni finanziari a iniziative che, poco nulla, hanno a che vedere con le eccellenze e risorse del nostro territorio. Dobbiamo cioè entrare più nel merito e renderci conto della qualità e quindi della attinenza della proposta che andiamo a valutare con i presupposti e le condizioni cui facevo prima accenno. All’epoca, mi sono fatto promotore di un emendamento specifico presentato sulla legge riguardo il decentramento amministrativo di affidare ad enti intermedi ma, che comunque rappresentano un’area omogenea, affidare compiti di programmazione indirizzo e di controllo per quel che concerne la valutazione delle istanze e anche la concessione dei contributi, allo scopo di evitare un fenomeno che purtroppo ci penalizza molto soprattutto durante l’estate: contemporaneamente si svolgono più eventi magari anche di qualità in più comuni del comprensorio. Quindi si crea un po’ di confusione e di sbandamento per i cittadini, per i turisti e i visitatori. Noi, invece, dobbiamo cercare di creare una sorta di cabina di regia che sia veicolo di chiarezza, di trasparenza ma anche di concretezza e di qualità. Questo aspetto è sicuramente un altro elemento importante ed essenziale del progetto generale di valorizzazione del territorio.
 
Antonella Citro        



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro