Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Domenica, 23 Gennaio
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Nasce la Confederazione Magistrati Onorari Uniti. Delegato Nazionale per la Corte d’Appello di Salerno il Vice Procuratore Onorario Michele Di Iesu


21-04-2009

Si costituisce la Confederazione dei Magistrati Onorari Uniti con sede principale a Roma e si compone di innumerevoli delegati nazionali, regionali e provinciali dislocati presso le diverse Corti di Appello. Tra le fila dei Delegati Nazionali compare l’avv. Michele Di Iesu, Vice Procuratore Onorario presso il Tribunale di Salerno, che si avvale di un entourage locale di tutto rispetto composto dai seguenti magistrati onorari: dott. Giuseppe Pugliese (Giudice Onorario in servizio presso il Tribunale di Sala Consilina), dott.ssa Patrizia Plaitano (Magistrato Onorario di Vallo della Lucania), dott.ssa Rossella Bonavita (Magistrato Onorario di Tribunale di Nocera Inferiore). I tre professionisti di concerto con il Delegato Nazionale coadiuveranno le istituzioni al fine di dare lustro alla Magistratura Onoraria. “Un filo diretto con il CSM ed il Governo attuale che consenta di dare voce ad una Magistratura tanto efficiente quanto silenziosa” spiega il delegato nazionale Di Iesu. La Confederazione nasce dall’idea di mettere ordine all'interno di un sistema che non sempre pare rispondere a logiche di razionalità e di efficienza, perseguendo i seguenti obiettivi attraverso un sinergico contributo di tutte le forze politiche e sindacali interessate, in primis con l'Associazione Nazionale Magistrati, e sotto l'egida del Consiglio Superiore della Magistratura. La ragioni di malcontento dei Magistrati Onorari di Tribunale non si arrestano a problematiche di natura economico/sindacale, pur ovviamente presenti, ed ulteriormente aggravate dagli infausti effetti del decreto Bersani sulla liquidazione dei compensi. “Ancor meno gratificante semmai- dicono i magistrati- è che una intera e vasta categoria, investita di funzioni di grande rilievo per l’amministrazione quotidiana della giustizia, resti del tutto invisibile all’opinione pubblica. Alla larga risonanza accordata ai ricorrenti malumori di avvocati e giudici di carriera, fa da contraltare l’assoluto disinteresse nei confronti di altri che, al pari di loro, sono quotidiani protagonisti nelle aule di giustizia. Ci si interroga su quanto realmente valga per lo Stato e per i cittadini il nostro apparentemente irrinunciabile impegno quotidiano”. Ci si interroga anche su quale possa essere per la giustizia italiana l’interesse a formare specialisti della giurisdizione investendo anche risorse in opportuni corsi di aggiornamento per poi licenziarli periodicamente in blocco, e ripartire da zero con nuove leve inesperte: efficienza amministrativa? Ci si interroga pure sul curioso paradosso di un organico giurisdizionale notoriamente inadeguato da decenni, che ci si ostina a tamponare con un rimedio temporaneo ma definitivo; o, per meglio dire, con un mosaico di figure diversamente trattate e retribuite. Ci si interroga, infine, sulla logica di progetti, in fase di elaborazione, che vorrebbero trasformare questo genere di incarico in una sorta di Kindergarten per neolaureati. Il largo ricorso alla Magistratura Onoraria, per integrare, supplire o sostituire del tutto una Magistratura Ordinaria che non è in grado, da sola, di far fronte al quotidiano sforzo di amministrazione della giustizia, non è fenomeno esclusivo della storia recente. Le reazioni negative hanno spaziato dalle dotte dissertazioni su un presunto principio costituzionale, secondo cui gli incarichi onorari avrebbero necessariamente natura temporanea sino alla difesa dell’irrinunciabile esigenza di non deprimere chi si prepara per i concorsi o li ha appena superati. “E oggi la Confederazione Magistrati Onorari Uniti, nata dall’associazionismo di categoria, vuole essere un punto di contatto tra le esigenze e i diritti dei magistrati onorari e gli organi istituzionali”, conclude il neo delegato nazionale Michele Di Iesu.                                     

                                                                                                                  
Antonella Citro
 



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro