Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Domenica, 17 Dicembre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Il Diano chiede strutture anti ictus


21-12-2004

I casi di ictus cerebrale fanno registrare di anno in anno un incremento sostanziale soprattutto in zone con alta percentuale di popolazione anziana, e il territorio dell’Asl Sa/3 è uno di quelli a maggior rischio, se si considera che il 65% della popolazione fa parte della fascia di etá avanzata. Da qui l’esigenza di avere specialistiche nelle varie strutture ospedaliere che possano dare risposte pronte e decisive ai problemi legati all’ictus cerebrale.
E’ uno degli aspetti venuti fuori dal corso organizzato dall’Asl Sa/3 ieri presso l’Ospedale di Sant’Arsenio e centrato sulla neurosonologia, un tipo di diagnostica utilizzata per prevenire e curare l’ictus cerebrale, della quale hanno parlato diversi specialisti sotto vari aspetti e punti di vista, da quello genetico al biodinamico e al fisiopatologico.
Dalla relazione introduttiva del direttore del reparto di neurologia dell’Asl, il dottore Viviani, è emerso che sono 190mila i nuovi ictus ogni anno in Italia, mentre in Campania si registrano da 11 a 14mila nuovi casi. Cifre che la dicono lunga sulle problematiche legate alle patologie cerebrali delle quali il 35% è proprio rappresentato dall’ictus. E seppure la Campania è una regione che dal punto di vista demografico si può definire ancora abbastanza giovane, è prevedibile che venga colpita ancora di più nei prossimi anni per il crescere della popolazione anziana. Per questo motivo la percentuale tende all’aumento anche nelle aree interne del Cilento e del Vallo di Diano.
Insomma l’ictus rappresenterá una delle patologie spesso mortali più diffuse sul territorio. Non tutti sono consapevoli di questo problema e spesso i reparti di neurologia ospedalieri sono considerati come l’eccellenza, mentre dovrebbe essere piuttosto la prassi. Da questo punto di vista l’Asl Sa/3 attende potenziamenti soprattutto con l’inserimento del cosiddetto "stroke unit", il reparto per la cura dell’ictus in fase acuta. Il piano sanitario regionale ne prevede infatti uno a Vallo della Lucania, che è "dea" di II livello, anche se la stessa specialistica è stata richiesta alla Regione anche nelle strutture del Diano.
Salvatore Medici
Fonte: La Citta di Salerno



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro