Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Mercoledì, 19 Dicembre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Polla: mezzo miliardo di danni in un deposito nell'area industriale. L’incendio sviluppatosi l’altra notte č di natura dolosa.


12-09-2008

Oltre mezzo miliardo di euro andati in fumo l'altra notte, in seguito al mega incendio sviluppatosi all'interno dell'area industriale di Polla. A tanto ammontano i danni registrati in seguito all'incendio che ha distrutto un deposito contenente materiale edile e due automezzi, di proprietà della ditta "Addesso" di Auletta. Danni ingenti, considerando che il capannone, tra l'altro, era sprovvisto anche di copertura assicurativa contro gli incendi. Ieri mattina, intanto, i Carabinieri del RIS, dopo i primi accertamenti effettuati dai loro colleghi della stazione di Polla, prontamente intervenuti sul posto assieme ai loro colleghi del nucleo operativo di Sala Consilina appena scattato l'allarme, hanno effettuato un primo sopralluogo per determinare le cause che hanno causato il maestoso rogo. Secondo i primi elementi raccolti, comunque, tutto lascerebbe pensare ad un incendio di tipo doloso. Un lavoro da professionisti, insomma, che solo grazie al pronto intervento dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Sala Consilina, che per domare con tempestività le fiamme sono stati costretti a richiedere l'intervento di squadre di supporto e un'autobotte fatta arrivare dalla centrale operativa di Salerno, non ha prodotto conseguenze ancora più serie. Il deposito di materiale edile di proprietà dell'imprenditore Vincenzo Addesso, infatti, si trova proprio al centro dell'area industriale di Polla, a stretto contatto con altre realtà produttive che, proprio grazie al tempestivo intervento dei caschi rossi, sono state, per fortuna, risparmiate dalle fiamme. La Procura della Repubblica di Sala Consilina dopo il sopralluogo al quale ha partecipato ieri mattina anche il sostituto procuratore Carmine Olivieri, ha aperto un fascicolo ed è da supporre che l'inchiesta prenderà la giusta direzione, non appena saranno pronti gli esami forniti dai carabinieri del RIS. Giusto tre anni fa, l'area fu interessata da un altro mega incendio su cui, purtroppo, ancora non è stata fatta piena luce e le indagini. In quell'occasione un altro mega incendio rase al suolo il deposito di stoccaggio dei rifiuti della ditta SOREM creando, tra l'altro oggettive difficoltà anche allo smaltimento dei rifiuti in tutta l'area del Bacino Salerno 3. L'episodio dell'altra notte richiama alla mente un'analoga azione verificatasi la settimana scorsa a Buonabitacolo dove, in un piazzale adibito a parcheggio ai confini con il comune di Padula, due Tir furono dati alle fiamme. Il carico dei due articolati era costituito rispettivamente da cartoni e da contatori di energia elettrica dell'Enel i quali, essendo composti in buona parte da plastica, contribuirono a rendere ancora più pericolose le stesse fiamme. Gli inquirenti, ovviamente, sono al lavoro anche per verificare eventuali nessi tra i due roghi, in quanto non si esclude che la matrice possa essere la stessa. Ieri mattina, intanto, presso la Procura della Repubblica di Sala Consilina ha avuto luogo un summit tra le forze dell'ordine operanti sul territorio, presieduto dal neo dirigente Amato Barile per cercare di fare il punto della situazione e dar vita a delle strategie operative.

 

ROCCO COLOMBO

 

tratto da: www.ilmattino.it




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro