Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Giovedì, 19 Ottobre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Padula: Muore a 39 anni dopo un intervento al San Luca di Vallo della Lucania


20-04-2008

Doveva essere un semplice intervento di aritmologia interventistica (angioplastica), affidato agli specialisti dell’ospedale San Luca di Vallo. Ma per una tragica fatalità è costato la vita a Giuseppe Bianco, 39 anni, nato e residente a Padula. Ricoverato lunedì scorso il paziente, durante l’intervento effettuato in anestesia parziale, si è improvvisamente alzato dal lettino. Una reazione dovuta forse allo stato emotivo, che ha causato gravi complicanze. Il catetere si è infatti spostato di colpo, perforandogli il cuore. Trasportato d’urgenza, in eliambulanza, all’ospedale Ruggi D’Aragona di Salerno, è stato soccorso e operato in cardiochirurgia, dal primario Giuseppe di Benedetto. «Il paziente è giunto da noi intubato e addormentato - spiega Di Benedetto - l’operazione è durata venti minuti, ed è ben riuscita, ma erano già in corso danni cerebrali che non gli hanno lasciato scampo». Giuseppe Bianco è spirato all’alba di ieri, nella terapia intensiva del Ruggi D’Aragona. I familiari hanno sporto denuncia nei confronti dell’ospedale San Luca di Vallo. Sulla drammatica vicenda la magistratura ha aperto un’inchiesta. «Nel corso di un intervento di aritmologia interventistica, che si esegue a paziente sveglio - all’Asl Salerno 3 ricostruiscono la dinamica - il degente si è improvvisamente alzato dal lettino operatorio. Prontamente soccorso dal personale sanitario dell’Utic del San Luca, è stato trasferito presso la cardiochirurgia dell’azienda ospedaliera di San Leonardo a Salerno dove è stato sottoposto all’intervento del caso». Un momento di insofferenza avrebbe dunque indotto il paziente ad alzarsi dal lettino con le succesive tragiche conseguenze. In otto anni di attività dell’Utic, non si è mai verificato nulla di analogo. L’Unità di Terapia intensiva cardiologica di Vallo della Lucania, diretta dal primario Giovanni Gregorio, è tra i centri campani più esperti, vi si effettuano circa mille all’anno, ottomila circa da quando il centro è entrato in funzione. Statistiche alla mano, in queste operazioni le complicanze rappresentano una remota eventualità: tra lo 0,5 e l’1 per cento degli interventi. Giuseppe Bianco abitava a Padula ma lavorava a Polla come dipendente di un'azienda dei suoi zii, sulla zona industriale. Sposato, ma separato dalla moglie, e padre di una figlia di 15 anni, era conosciuto ed apprezzato per le sue doti umane e professionali. Non aveva mai avuto problemi di salute, sino a quando si è sentito male sul posto di lavoro. Trasportato al Pronto Soccorso dell'ospedale di Polla, gli è stato consigliato di sottoporsi ad angioplastica, intervento che però non è eseguibile presso il nosocomio pollese. Di qui il suo ricovero al ”San Luca” di Vallo della Lucania e il terribile epilogo. Ora i familiari chiedono giustizia.

tratto da: www.ilmattino.it



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro