Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Lunedì, 26 Giugno
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Sant'Arsenio: Autobus contro la coppa rotatoria, la Casa dei Cittadini: lo avevamo detto


06-03-2008

Sant’Arsenio

AUTOBUS CONTRO COPPA ROTATORIA. LA CASA DEI CITTADINI: LO AVEVAMO DETTO.

“Se l’amministrazione comunale di Sant’Arsenio ed il Comando di Polizia Locale dell’Unione dei Comuni ci avessero dato ascolto, tutto questo non sarebbe successo”, è l’amaro sfogo di Giovanni Procaccio, presidente dell’Associazione Iniziativa Sociale – La Casa dei Cittadini, il sodalizio che da sempre si batte per la sicurezza stradale ed il diritto all’incolumità dei cittadini. Era appena passato mezzogiorno di martedì 4 marzo quando un autobus di linea di una nota azienda locale impatta contro la coppa giratoria posta sulla carreggiata della S.R. ex S.S. 426 e che segna il crocevia che la strada forma con piazza Domenico Pica e via Domenico Mele di Sant’Arsenio.

In realtà non è la prima volta che autoveicoli impattano contro la base di cemento della coppa rotatoria ed in qualche circostanza i malcapitati conducenti hanno anche riportato gravi ferite. Certo la dinamica dell’incidente e le responsabilità sono tutte da accertare ma un dato di fatto è già acquisito e cioè che la coppa rotatoria così com’è non è a norma di sicurezza ed è in deroga alle norme di circolazione stradale.

“La Casa dei Cittadini – riprende Giovanni Procaccio – già nel luglio del 2007 cercò di sensibilizzare le competenti autorità in merito alla pericolosità che la coppa rotatoria rappresenta per la circolazione stradale. A seguito della nostra lettera, il prefetto di Salerno addirittura diffidò l’amministrazione a rimuovere quello che oggettivamente è un ostacolo alla libera e sicura circolazione ma sia l’amministrazione comunale di Sant’Arsenio sia il Comando di Polizia Locale hanno fatto orecchie da mercanti”.  

Nella dura lettera del 23 luglio del 2007 spedita a tutti gli aventi causa, la nota associazione del Vallo di Diano denunciava quanto non sia oltremodo tollerabile l’inettitudine delle preposte e competenti istituzioni che permangono nella totale indifferenza al cospetto dei continui incidenti stradali che vedono coinvolti giovani del Vallo di Diano e non solo. Così come non è tollerabile che si continui a giustificare i continui incidenti stradali con la sola velocità sostenuta o con lo stato di alterazione dei conducenti. E un modo – continua la missiva – semplicistico quanto irresponsabile per salvare la coscienza da parte di chi avrebbe l’obbligo non solo morale di intervenire seriamente per affrontare e risolvere i problemi.

“Non ci si può continuare a nascondere dietro la velocità o lo stato di alterazione – continua ancora il presidente Procaccio – specialmente quando gli incidenti accadono nella piazza principale del paese dove la velocità non può essere certo sostenuta e quando ad a essere coinvolto è un autobus di linea condotto da personale esperto cui non si può certo addebitare uno stato psicofisico alterato. La verità – non si risparmia Procaccio – è che quella coppa rotatoria è contro ogni norma di legge e costituisce un grave pericolo per la circolazione stradale, dunque andava rimossa per tempo”.

Per fortuna è stato evitato il peggio soprattutto tenendo conto che normalmente la piazza di Sant’Arsenio è un brulicare di persone la maggior parte delle quali sono gli studenti dei vari istituti che gravitano intorno a piazza Domenico Pica.

“Fortuna ha voluto – riprende ancora l’agguerrito presidente Procaccio – che l’orario non fosse quello di punta infatti bastava che l’incidente accadesse mezz’ora perché si verificasse il peggio. Sia chiara una cosa – conclude Giovanni Procaccio – che l’aver denunciato da tempo uno stato di pericolo non è sufficiente a renderci soddisfatti. Ci sarebbe piaciuto che chi avrebbe dovuto intervenire lo avesse fatto con solerzia e non attendere che si verifichi l’irreparabile prima di darsi una mossa. L’auspicio è che per il futuro si presti maggiore attenzione ai solleciti dei cittadini al posto di chiudersi a riccio in una ceca ed arrogante difesa pur di non dar loro ragione”.



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro