Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Martedì, 25 Giugno
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Grande Lucania, sì degli imprenditori: il progetto di «SECESSIONE» raccoglie proseliti


05-12-2007

Va avanti il progetto ”Grande Lucania” che prevede la riaggregazione alla Basilicata del Cilento, del Golfo di Policastro e del Vallo di Diano. E, quando se ne discute, si registra intorno ad esso, pur nella consapevolezza delle difficoltà del relativo iter politico-amministrativo, un coro di ”sì” e soltanto qualche rarissimo ”no”. Proprio come è avvenuto l'altra sera a Sala Consilina in occasione della tavola rotonda sul tema: ”Il Vallo di Diano e la Grande Lucania: tra opportunità ed utopia”. Promossa dal Lions Club di Sala Consilina-Vallo di Diano. Coordinata dal presidente del Lions Club salese, Angelo Paladino, ne sono stati relatori esponenti del mondo politico e culturale campano e lucano i quali, ad eccezione del presidente della Comunità Montana Vallo di Diano, Vittorio Esposito, nettamente contrario a qualsiasi ipotesi di ridisegnazione dei confini tra Basilicata e Campania, si sono tutti detti favorevoli, in linea di massima, al progetto. Sulla cui validità si è a lungo soffermato, nel suo intervento, l'assessore regionale della Basilicata, on.le Antonio Autilio, per il quale il progetto segnerà finalmente il ritorno alle proprie, comuni origini, ”un ritorno legittimato, peraltro, dal fatto che a volerlo sono i cittadini”. Un concetto quest'ultimo sottolineato anche dagli altri relatori, in particolare dal vice presidente della Provincia di Potenza e sindaco di Marsico Nuovo, Giuseppe Vita, secondo il quale il movimento della Grande Lucania nasce da una esigenza fortemente sentita dalla gente che vuole riappropriarsi del suo passato per recuperare, appunto, i suoi antichi legami culturali e sociali con la Basilicata e realizzare, così, un rientro pienamente giustificato in quello che fu il proprio territorio di origine. Fra i relatori anche l'architetto padulese Tiziana Bove Ferrigno, che è intervenuta nella sua veste di presidente del Comitato comprensoriale Grande Lucania Vallo di Diano. ”Siamo sulla buona strada, decisi a portare avanti il nostro progetto, che è per noi una ragione di vita. Per questo ci stiamo preparando col massimo impegno per quello che è il passo più importante del percorso verso la riaggregazione alla Basilicata, ovvero il referendum popolare. Sul cui esito non ho dubbi, visto che la stragrande maggioranza dei cittadini del Vallo si sente fortemente legata ai cugini lucani con i quali, fra l'altro, condividiamo le stesse tradizioni storico-culturali”. Intanto a favore del progetto si schierano, con un'altissima percentuale, anche gli imprenditori del Vallo di Diano. L'85% di essi vuole ritornare alla Basilicata. E fra le motivazioni che adducono, sottolineano soprattutto quelle di carattere pratico. ”Siamo convinti, dicono, di trovare in Basilicata meno burocrazia, e maggiori possibilità di risposte alle nostre esigenze. E sarà anche il modo per liberarci definitivamente dal napolicentrismo che ci condanna all'isolamento”.

GIUSEPPE LAPADULA
tratto da: www.ilmattino.it



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro