Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Martedì, 23 Luglio
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Dall’8 al 15 settembre, a Oliveto Citra (SA), torna il Premio Sele d’Oro Mezzogiorno.


07-09-2007

VOCI E STORIE DI UN ALTRO SUD

Dall’8 al 15 settembre, a Oliveto Citra (SA), torna il Premio Sele d’Oro Mezzogiorno.

L’evento culturale posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Venerdì 7 la conferenza stampa di presentazionepresso la Provincia di Salerno.

 
Sotto lo strato pesante dei luoghi comuni, che disegnano il Mezzogiorno come terra delle mafie, dell’inefficienza e dell’emergenza ambientale, pulsano le vene di un altro Sud. Un Sud ricco di idee e di concretezza, di intraprendenza e di coraggio. Un Mezzogiorno diverso e sorprendente, poco visibile e ancor meno raccontato. Fatto di progetti di sviluppo portati a compimento con successo, di imprese capaci di affermarsi nella sfida della competizione globale, di intelligenze in grado di immaginare nuovi percorsi e nuovi strumenti di rilancio economico e culturale, di realtà sociali impegnate nella riaffermazione del principio di legalità.

Proprio questo “Altro Sud”, resistente a pregiudizi che pure si credeva consegnati al passato, sarà al centro del percorso di riflessione proposto dal Premio Sele d’Oro Mezzogiorno, in programma dall’8 al 15 settembre prossimi a Oliveto Citra, in provincia di Salerno. Giunto alla sua ventitreesima edizione, il Sele d’Oro ha saputo da tempo imporsi come uno fra i principali eventi culturali dell’intero Meridione d’Italia. Un successo ormai consolidato, frutto di un’impostazione rigorosa e di una robusta capacità organizzativa, che di recente ha richiamato anche l’attenzione del Presidente della Repubblica, il quale ha voluto concedere alla manifestazione il suo Alto Patronato.

L’edizione 2007 del Sele d’Oro, che ha scelto come titolo “SUD: LUOGHI COMUNI / PAROLE DIMENTICATE”, presenta un programma denso e ricco di spunti d’interesse. Previsti, infatti, ben dieci tra incontri e dibattiti, dedicati a temi quali i distretti culturali, il marketing territoriale, i nuovi fondi europei e le agenzie di sviluppo. In calendario anche un seminario sul ruolo delle fondazioni bancarie dentro i percorsi di crescita del Mezzogiorno, realizzato in collaborazione con la Fondazione Banco di Napoli, e la presentazione del “Contributo preliminare relativo alla Campania per un rapporto annuale sulle condizioni e sulle prospettive delle province meridionali”, curato da SVIMEZ - Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno

A rendere più articolato il percorso culturale, anche momenti dal taglio più fresco: come “Il Caffè delle Idee”, che permetterà ai tanti giovani che seguono tradizionalmente il Sele d’Oro di confrontarsi con protagonisti della cultura, della politica e dell’economia; o come “La Domenica della Legalità”, programmata a partire dalle ore 16,30 del prossimo 9 settembre, cui hanno dato la loro adesione personalità e organizzazioni impegnate a vario titolo in percorsi di lotta e di contrasto alla criminalità organizzata, e che si concluderà con lo spettacolo teatrale “Cravattari” di Fortunato Calvino, portato in scena dalla Compagnia Metastudio89 di Napoli.

Ma, oltre al lavoro di Calvino, il Sele d’Oro ha molto altro da offrire a chi ama il teatro. Torna infatti anche per l’edizione 2007 il Festival Teatrale Nazionale: rassegna diretta da Antonio Caponigro, che scommette ancora una volta su testi legati a temi di richiamo sociale. In gara cinque compagnie, provenienti da varie regioni italiane. Primi ad andare in scena gli artisti del “Teatro dei Picari” di Macerata, che per le ore 21 di sabato 8 settembre propongono “Pulcinella” di Manlio Santanelli, per la regia di Francesco Facciolli.

Il ricco calendario di appuntamenti del Sele d’Oro 2007 si chiuderà sabato 15 settembre con la tavola rotonda dal titolo “Creare valore. Europa, Mezzogiorno e Mediterraneo nella sfida globale”, che vedrà presenti, fra gli altri, il ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Luigi Nicolais, il viceministro dello Sviluppo Economico Sergio D’Antoni, l’ambasciatore d’Italia in Svezia Francesco Caruso; il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli.All’incontro farà seguito la cerimonia di consegna dei premi Sele d’Oro Mezzogiorno 2007 che la giuria, presieduta dal professor Amedeo Lepore, assegnerà per le sezioni Saggi, Euromed-Saggi inediti, Giornalismo - dedicato alla memoria di Michele Tito, per anni presidente di giuria del Premio - e Imprenditoria giovanile. Prevista anche l’assegnazione del Premio Bona Praxis per i progetti di sviluppo, istituito in collaborazione con il Coordinamento dei Presidenti dei Consigli provinciali del Mezzogiorno, nonché il conferimento di premi speciali destinati a persone, organizzazioni o enti che abbiano offerto contributi particolarmente significativi allo sviluppo culturale, sociale ed economico del Sud, dell’Europa e dell’area del Mediterraneo.

“Non possiamo nascondere a noi stessi – commenta il presidente del Consiglio provinciale di Salerno Carmine Pignata, che guida il Comitato organizzatore del Sele d’Oro 2007 - che il Mezzogiorno stia attraversando una fase fatta, almeno in apparenza, più di ombre che di luci. Davanti ai problemi, non vogliamo certo chiudere gli occhi. In alcune aree del Sud le cosche hanno rialzato la testa; in altre si dà fuoco ai rifiuti; altrove, ancora, i dati su economia e occupazione non appaiono incoraggianti; un po’ dappertutto, infine, serpeggiano delusione e rassegnazione. Ed è stata proprio la percezione di questo clima di malessere a spingere il Sele d’Oro ad allestire un’edizione 2007 che ha l'ambizione di proporsi come momento di incontro e di confronto fra quanti credono ancora che il Sud possa farcela. Con un invito a “cercare e inventare di nuovo”, sfruttando al meglio il tempo e le energie che rimangono. Alle spalle ci lasciamo uno sforzo organizzativo immenso, sostenuto dal contributo generoso di tanti compagni di strada, vecchi e nuovi. Tra questi, vorrei ricordare i componenti della giuria del Premio, presieduta dal professor Amedeo Lepore, e Mimmo Liguoro, volto storico e amatissimo dei TG della Rai, che da quest’anno ha accettato di stare ancor più vicino al Sele d’Oro”.

Il programma del Sele d’Oro 2007 verrà presentato nei dettagli nel corso di una conferenza stampa, prevista per le ore 10,30 di venerdì  7 settembre presso la Sala Giunta della Provincia di Salerno, a Palazzo Sant’Agostino. Saranno presenti: il presidente del Consiglio provinciale di Salerno, Carmine Pignata; il presidente della Giuria del Premio, prof. Amedeo Lepore; il sindaco di Oliveto Citra, Italo Lullo; il presidente della Provincia di Salerno, Angelo Villani. Coordinerà l’incontro il giornalista Mimmo Liguoro, portavoce del Premio Sele d’Oro Mezzogiorno



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro