Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Sabato, 17 Aprile
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Demolita una casa per errore a Piaggine


15-10-2004

PIAGGINE. Sembra incredibile e pure è accaduto. A Piaggine, un madornale errore, riduce in macerie una casa. L'abitazione, sita in via Vicoletto terzo Professor Roselli finisce sotto il braccio meccanico di un escavatore che ne distrugge buona parte. L'incredibile episodio, si è verificato martedì mattina. Protagonista, lo stabile degli eredi della famiglia Isoldi. Una situazione che ha creato un plausibile imbarazzo in paese. Ma andiamo per ordine. Una delle eredi dell'abitazione paterna della famiglia Isoldi, martedì mattina, mentre si trovava al lavoro, ha ricevuto la telefonata di un vicino, che in maniera frettolosa, gli spiegava che una pala meccanica stava demolendo l'abitazione paterna. La malcapitata, stupita dal racconto, si è recata immediatamente sul posto per verificare di persona. All'arrivo, la donna ha trovato parte della casa completamente distrutta. Allo stupore iniziale la donna ha reagito intimato l'alt alla ditta edile. A questo punto, come ha raccontato la malcapitata, «i lavori si sono bloccati». La ditta che lavorava, pare sia stata chiamata per operare un intervento di messa in sicurezza del centro storico, dopo le numerose segnalazioni di crolli. Ad ogni buon conto, la donna, dopo essersi assicurata che la ruspa si fosse fermata, non paga delle spiegazioni ricevute sul cantiere, si è recata immediatamente in Comune a lamentarsi con il primo cittadino, Angelo Pipolo. Un tentativo, il suo, per venirne a capo di una faccenda drammaticamente clamorosa. «La cosa gravissima - hanno spiegato i malcapitati - è il fatto che queste abitazioni distrutte erano parte integrante del centro storico e pertanto, non andavano assolutamente toccate. Se tale era l'intenzione dell'amministrazione, potevano almeno avvertirci». Intanto il primo cittadino Angelo Pipolo si difende dalle accuse: «Il comune, con regolare autorizzazione concessa dall'ufficio tecnico, ha chiesto la demolizione di due mini-abitazioni fra le quali era esclusa quella della famiglia Isoldi. Una decisione effettuata per salvaguardare l'incolumità dei cittadini, poiché dopo le piogge della scorsa settimana cadevano in continuazione calcinacci da queste antiche costruzioni rimaste abbandonate per oltre cinquant'anni». Ma poi il sindaco ammette: «Durante i lavori di demolizione purtroppo si è reso indispensabile sopprimere anche la copertura dell'abitazione Isoldi. Una copertura fatiscente e a rischio di crollo. Naturalmente - conclude il sindaco Pipolo - la copertura verrà rifatta interamente a spese del comune e l'abitazione sarà nuovamente usufruibile dai proprietari». Certo, ma intanto la pala dell'escavatore non solo ha abbattuto parte della casa ma ha sommerso sotto le macerie anche tanti ricordi della famiglia Isoldi.

Fonte: La Citta di Salerno



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro