Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Sabato, 21 Settembre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Provincia e Fondazione Vico, corso in "Diritto dell'ambiente e dei beni culturali"


02-06-2007

Provincia e Fondazione Vico, corso in “Diritto dell'ambiente e dei beni culturali”
 

Quinto corso di perfezionamento e aggiornamento in “Diritto dell'ambiente e dei beni culturali”, l’Assessorato alle Politiche ambientali della Provincia di Salerno, in collaborazione con la Fondazione Giambattista Vico, indice una selezione, per titoli ed esame, per l’ammissione al percorso formativo.

Il corso è rivolto a 50 tra laureati e/o dipendenti della PA o di imprese private, nonché a diplomati con attinenze alle tematiche ambientali. È ammesso anche il titolo di studio conseguito presso Università straniere e ritenuto equipollente. Il corso si svolgerà a Palazzo S. Agostino, inizierà a fine settembre e avrà una cadenza settimanale. I docenti provengono da diverse Università italiane.

 

Le domande e gli allegati dovranno pervenire in busta sigillata, pena l’esclusione, recapitata a mezzo di servizio postale autorizzato, entro le ore 14 del 15 giugno 2007, all’indirizzo: Assessorato alle Politiche ambientali della Provincia di Salerno - via Roma -Palazzo S. Agostino 84100 Salerno. Sul plico, con la domanda e la documentazione, dovranno essere indicate le generalità del candidato.

Numerosi e prestigiosi i patrocini: Ministero dell'ambiente e del territorio, Regione Campania Assessorato alle Politiche ambientali, Arpac, Autorità di bacino sinistra Sele, Ordine degli avvocati di Salerno, Ordine degli avvocati di Nocera Inferiore, Aiga Salerno, Aiga Nocera, Agl Salerno, Osservatorio provinciale sulla legalità ambientale, Legambiente, Wwf Italia. Anfata di Nocera Inferiore.

 

Il corso ha l’obiettivo di realizzare un percorso di formazione specialistica e di approfondimento della materia ambientale e dei beni culturali, analizzando le problematiche emergenti alla luce dei principi comunitari. Ai partecipanti viene data la possibilità di acquisire le conoscenze teorico-pratiche necessarie per orientarsi tra le innumerevoli normative di settore.

 

L’ammissione al corso è subordinata ad una selezione che si articola in due fasi: valutazione del curriculum vitae e dei titoli; colloquio orale volto a verificare le motivazioni e gli interessi dei candidati allo studio delle materie oggetto del corso.

Ai titoli viene attribuito il punteggio massimo di 32,25 suddivisi in base al voto di laurea (110/110 lode: 5.0 punti; 100/110: 4.0; 109/110: 3.3; 108/110: 3.0; 107/110: 2.7; 106/110: 2.4; 105/110: 2.1; 104/110: 1.8; 103/110: 1.5; 102/110: 1.2; 101/110: 0.9; 100/110: 0.6; 99/110: 0.3).

Alla laurea conseguita con un voto inferiore al 99 non verrà attribuito alcun punto, come pure al diploma di scuola superiore. Agli esami del corso di laurea attinenti le materie del corso si attribuisce un tetto massimo di 5.25 punti in base al voto di esame (30/30 lode: 0.75; 30/30: 0.50;

29-28-27/30: 0.25). Alla tesi di laurea in diritto ambientale si attribuisce un massimo di 10 punti. A pubblicazioni su tematiche di diritto ambientale si attribuisce di un massimo di 10 punti. Attestati di partecipazione a corsi di specializzazione o master post-laurea di settore saranno valutati 2 punti se attinenti alle materie oggetto del corso di perfezionamento.

Tutti i concorrenti verranno ammessi al colloquio, a prescindere dal punteggio riportato per titoli. Il colloquio avverrà entro 10 giorni dalla valutazione dei titoli. Ai candidati sarà data immediata

comunicazione della data del colloquio che verterà sulle materie oggetto del corso. La commissione giudicatrice stabilirà le modalità di attribuzione del punteggio al colloquio che si intenderà superato con una valutazione di almeno 21/50.

 

La commissione esaminatrice sarà nominata dall'Assessore alle Politiche ambientali della Provincia di Salerno e sarà composta da tre membri esperti in materia ambientale. In seguito alla valutazione ed al colloquio orale, la Commissione formulerà una graduatoria di merito, in base alla quale verranno individuati gli ammessi al corso. A parità di punteggio sarà preferito il concorrente più giovane.

 

La frequenza è obbligatoria. Non sarà ammesso al colloquio finale chi non abbia effettivamente frequentato un numero di almeno 6 moduli.

La quota di partecipazione è di euro 500 da versare per il 50% entro 7 giorni dalla comunicazione dell'ammissione al corso e per il restante 50% entro il 30 settembre 2007.

 

dieci i moduli di insegnamento che vertono su: principi del diritto dell'ambiente e sviluppo sostenibile, con la pianificazione; difesa del suolo e Piano di Bacino; Piano di protezione civile; valutazione di impatto ambientale e VAS; tutela e valorizzazione dei beni culturali e ambientali (il piano paesaggistico); protezione civile e pianificazione ambientale (piano urbanistico - PUC PCT); Agenda 21 locale; diritto penale ambientale; dalla normativa comunitaria al ciclo dei rifiuti in Campania (Piano dei rifiuti);Piano del Parco.

 

Il direttore del corso è il prof. Vincenzo Pepe della seconda Università di Napoli, i responsabili organizzativi sono l’ing. Giuseppe D'Acunzi e l’avv. Giannicola Galotto, mentre i responsabili della segreteria Giuseppe Cicalese, Angela Marzucca e dott.ssa Sara C. De Martino.

 
 
Per informazioni
 

Fondazione Giambattista Vico, Palazzo de Vargas, 84070 Vatolla (SA)

Tel./fax 0974/845549; cell. 333/7042144; 199446029 - www.fondazionegbvico.org - fvico@oneonline.it




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro