Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Martedì, 18 Giugno
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Asl Sa 3: cuore sotto controllo, mortalità inferiore alla media


01-10-2004


Asl Sa 3, cuore sotto controllo
Unità coronariche ben attrezzate Mortalità inferiore alla regionale

Salvatore Medici


Polla. L'Asl Salerno 3 va meglio rispetto al resto della Campania in fatto di cuore. Le percentuali, seppure di poco, sono più incoraggianti rispetto ai dati regionali sulla mortalità per attacco cardiaco. E' quello che emerge dalla relazione di Giovanni Gregorio, direttore del dipartimento cardiovascolare dell'Asl, che ieri ha presentato uno studio dell'Associazione nazionale cardiologi ospedalieri fatto nelle unità coronariche campane. L'occasione è venuta dal congresso ''Il cuore, oggi e domani'' che si chiuderà oggi a Paestum. Il dato dell'Asl Sa 3 sembra sia legato al fatto che in tutti gli ospedali del Vallo di Diano e del Cilento (Polla, Sant'Arsenio, Sapri, Roccadaspide, Agropoli e Vallo della Lucania) sono attive unità operative coronariche (Utic) con moderne attrezzature in grado di assicurare al paziente con attacco cardiaco assistenza tempestiva. «Tutte le Utic sono collegate al dipartimento cardiovascolare Ð ha affermato il direttore generale dell'Asl, Claudio Furcolo Ð il cui centro di riferimento in grado di eseguire coronografia e angioplastica è ubicato nel dea di secondo livello di Vallo della Lucania». Guardando al futuro, intanto è in fase di avanzamento l'istituzione della rete di assistenza cardiologica che coinvolgerà la centrale operativa, le unita coronariche e i presìdi di assistenza medica su tutto il comprensorio. In tal modo si ridurranno i tempi di soccorso necessari per portare il paziente in ospedale o nei pronto soccorso. Dalla relazione presentata da Gregorio, infatti, si evince che una delle cause della morte per infarto è dovuta proprio alla difficoltà di giungere in ospedale. In tutta la Campania su 20mila persone infartuate solo 11mila raggiungono il pronto soccorso, mentre 9mila non arrivano in ospedale e la stragrande maggioranza muore prima di giungere all'unità coronarica. Inoltre, il 48% raggiunge l'ospedale in tempi talmente lunghi da non consentire la somministrazione dei farmaci. Altro dato rilevante è lo scarso utilizzo del 118. Nel 71% dei casi il paziente raggiunge l'ospedale con mezzi propri e solo il 17% in ambulanza.


Fonte: La Citta di Salerno



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro