Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Venerdì, 14 Agosto
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Consigliere De Maio: "Intervenga il Difensore Civico Regionale"


02-01-2007

Il Consigliere Comunale forzista di Sala Consilina, Amedeo De Maio, ha scritto al Difensore Civico della Regione Campania, e per conoscenza al Prefetto di Salerno, affinchè sia ripristinata la legalità, a suo dire, nel Comune di Sala Consilina.

La vicenda riguarda il rifiuto, da parte della maggioranza di centro sinistra, di sottoporre al Consiglio Comunale la proposta di spostamento del mercato settimanale del giovedi.

Riportiamo, di seguito, il testo integrale della lettera.

 Sala Consilina, 28/12/2006

Ill.mo  dott.   Vincenzo Lucariello
                       Difensore Civico Regione Campania
                       Centro Direzionale Isola F8 PIANO 7
                       NAPOLI
e, p.c,           
  S.E. dott.     Claudio Meoli
                        Prefetto di
                       SALERNO
  
         L’Amministrazione Civica di Sala Consilina, dove ricopro la carica di Consigliere Comunale, ha annunciato, a mezzo stampa, che a far data dal 11/01/2007, il mercato settimanale verrà trasferito in altra sede in ambito comunale.
Ho invitato, quindi, l’amministrazione stessa, come già fatto numerose volte negli ultimi anni, a proporre la propria idea progettuale al Consiglio Comunale, per poter deliberare la scelta migliore, nell’interesse della cittadinanza tutta e degli operatori commerciali.
            Purtroppo, con mio sommo stupore, l’assessore al ramo ha dichiarato che non è necessario passare per il Consiglio in quanto non ne ha la competenza”.
Sono invece convinto del contrario, visto che nell’anno 2000, con l’approvazione della legge n. 1, la Regione Campania ha legiferato in materia, affidando al Consiglio Comunale, tra le altre cose, la competenza di regolamentare il commercio su aree pubbliche nell’ambito del proprio territorio comunale.
Ribadisco, altresì, che, da quella data, ho ripetutamente sollecitato l’amministrazione civica ad affrontare il “problema mercato”, perché necessitante di nuova regolamentazione ai sensi della citata normativa regionale e perchè allocato su un’area individuata “in via sperimentale” dal lontano 1996; ho sempre ritenuto indispensabile l’adozione di un provvedimento definitivo e risolutivo delle problematiche connesse all’esercizio del commercio su aree pubbliche.
L’amministrazione civica del mio paese, purtroppo, ha deciso di scavalcare il Consiglio Comunale, insistendo nel voler adottare uno “sconosciuto genere di provvedimento amministrativo” motivato, falsamente, dall’urgenza... urgenza che non riconosco minimamente, perchè non vi sono fatti nuovi dai quali questa possa scaturire e perchè si è avuto a disposizione tutto il tempo necessario per proporre l’argomento all’attenzione del Consiglio comunale seguendo le procedure previste dalla legge.
Con mio rammarico, si intendono compiere scelte approssimative e frettolose, frutto della elaborazione mentale di pochi e non scaturenti da un dibattito che risulta necessario per la vastità delle problematiche connesse allo svolgimento del mercato settimanale di Sala Consilina.
Fino ad oggi, l’amministrazione civica ha scelto “di non scegliere”; oggi intende scegliere da sola, in maniera non partecipata e al di fuori dalla legge... in completa anarchia.
Ed è questo il peggior esempio che si possa offrire alla cittadinanza amministrata, alla quale viene chiesto il rispetto delle regole… le stesse regole che alcuni “più uguali degli altri” intendono disattendere.
Invito quindi la S.V. ill.ma a voler adottare, nei confronti dell’amministrazione civica di Sala Consilina, i provvedimenti che riterrà più opportuni: voler privare nuovamente il Consiglio Comunale di una propria specifica competenza, perseverando nell’errore, risulterebbe essere un atto non solo antidemocratico, ma fortemente diseducativo, che non posso assolutamente nè condividere nè accettare, perché lesivo dell’autorevolezza che il Consiglio possiede in quanto organismo espressione della scelta popolare.
Diversamente, converrebbe abolirlo del tutto, in quanto macchina burocratica inutile e costosa per i cittadini.
Preciso, in conclusione, che è mio costume dibattere sugli argomenti senza alcun atteggiamento precostituito: non avrei alcuna difficoltà ad esprimere un mio giudizio positivo ove riscontrassi elementi di positività nel merito di un (ipotetico?) regolamento, qualora questo venga sottoposto all’attenzione del Consiglio Comunale.
Offro tutta la mia disponibilità per contribuire alla soluzione del problema, a condizione che se ne discuta nella sede istituzionale competente, dove mi ci hanno eletto i cittadini e dove ritengo di avere il diritto/dovere di valutare quale possa essere la scelta migliore da adottare nell’interesse della città.
 RingraziandoLa anticipatamente per quanto intenderà fare, con l’occasione, porgo i miei migliori saluti e auguri di buon anno.
                                                                                   
                                                                                                Amedeo De Maio



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro