Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Venerdì, 24 Novembre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Convegno alla Torquato Tasso di Sala Consilina: per dire no al femminicidio occorre partire dall’educazione alla emotività, ai sentimenti e alla affettività


02-12-2013

Successo ieri per il convegno dal tema Violenza sulle donne: No al femminicidio organizzato dalla Società Operaia Torquato Tasso di Sala Consilina presso la sala di rappresentanza della storica sede sociale. Dopo il saluto del Presidente Michele Calandriello con il quale ha ribadito la morte scellerata e immotivata a cui sono andate incontro diverse donne del nostro territorio per mano di uomini conosciutissimi dalle vittime, è intervenuta la vicepresidente Colomba Canonico che ha ripercorso le tappe salienti della emancipazione delle donne fino ai giorni nostri. Appropriate e pertinenti le parole di Maria Stabile Presidente del Consiglio Comunale di Sala Consilina: “Il 25 novembre è la giornata mondiale delle Nazioni Unite contro la violenza sulle donne, la data è stata scelta in memoria delle tre sorelle Mirabal attiviste della Repubblica Dominicana uccise il 25 novembre 1960 per la loro opposizione al regime del dittatore Rafael Leonidas Trujillo – ha affermato - La parola femminicidio, a causa della quale finora in Italia sono morte 128 donne, è stata introdotta dalla criminologa statunitense Diana Russell nel 1992 per indicare una categoria criminologica vera a propria una violenza da parte dell’uomo contro la donna in quanto donna un atto in cui la violenza è il risultato di una precisa cultura di sopraffazione. Da questo scaturisce il movente di genere”. Risolutivo allora appare il cambiamento culturale attuabile attraverso percorsi di educazione rivolti alle famiglie e alle scuole. Occorre educare le nuove generazioni a valori di parità e reciprocità. Importante allora risulta l’educazione critica all’emotività, ai sentimenti alla affettività per diventare adulti consapevoli del proprio ruolo sociale. Un momento di dibattito ha visto il confronto tra i numerosi presenti su diverse tematiche inerenti la violenza sulle donne ma l’ostacolo più grande è e resta il silenzio, parlare e ascoltare sono le armi per sconfiggere le paure. E quando si chiede a una donna “come stai?” bisogna sempre aspettare la risposta. Come diceva la baronessa Scotland.

Antonella Citro

Addetto stampa




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro