Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Sabato, 25 Novembre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Sassano: il 20 novembre inizia il processo sul caso del boschetto paleo palustre


18-11-2013

UDIENZA DEL PROCESSO SUL CASO DEL BOSCHETTO PALEO-PALUSTRE IL GIORNO 20-11-2013 A LAGONEGRO. UN EX-SENATORE DELLA REPUBBLICA A GIUDIZIO PER OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO DI UN’AREA DI PREGIO AMBIENTALE

Dopo il sequestro del 20-01-2011 di una vasta area della zona PIP e del boschetto paleo-palustre in località Capuccini nel Comune di Sassano si sta svolgendo il processo a carico di un ex-senatore della Repubblica Italiana, Fronzuti Giuseppe, legale rappresentante della soc. Coop. Betulla, per occupazione di suolo pubblico (art. 633 c. p.) poiché “dopo aver acquistato, dal Comune di Sassano circa 2845 mq. di terreno sito in località Fornace – via Macchia Mezzana (lotto nr. 09 – zona PIP), realizzava un piazzale in materiale misto calcareo avente una superficie di circa 3750 mq., così arbitrariamente occupando circa 941 mq. di terreno del Comune di Sassano”. La prossima udienza il 20-11-2013 a Lagonegro.

Il 31 luglio 2003, il caso del boschetto fu ripreso nella trasmissione radiofonica di Oliviero Beha e Mauro De Cillis, La Radio a Colori. La Carta di Destinazione d’Uso del Territorio, approvata dalla Comunità Montana in data 13-02-2003, infatti, individuava quella zona, unica nel suo genere, sia come zona PIP, sia come sito di pregio ambientale. Da allora abbiamo cercato di seguire l’iter amministrativo per la costruzione della zona industriale. L’amministrazione di Sassano, il 24 dicembre 2003 (D.C.C. n. 26/2003), approva il Piano Insediamento Produttivi. Il progetto prevedeva una strada nel boschetto (oggi parzialmente realizzata), che ne isolava i due rami irreversibilmente. La Regione Campania, senza notare l’assenza di una Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) per l’opera infrastutturale da eseguirsi in una zona “di particolare pregio ambientale e paesistico”, finanziava il progetto per un importo di 808.205,05 EUR (del. G.R. n. 5450/02). L’importo totale dell’opera era di 861.954,17 EUR, di cui 53.699,12 a carico del Comune di Sassano.

Nella “Scheda di trasmissione di notizie di reato” del Comando del Corpo Forestale dello Stato, inviata alla Procura il 20-01-2011, è emerso che “sono stati distrutti circa 2000 mq. di bosco”, e che “il Comune di Sassano ha lottizzato, per scopi produttivi, un luogo boscato”. Risulta che partecipano a questa società cooperativa come soci o collaboratori altri pezzi delle istituzioni locali (vari sindaci, vicesindaci e assessori delle passate amministrazioni sassanesi, alcuni ancora oggi consiglieri comunali, un segretario cittadino di partito, un ex assessore di un paese vicino, un giudice di pace).

L’area industriale è stata costruita da un’azienda di Casal di Principe; oggi quelle infrastrutture sono già del tutto fatiscenti. Tutto ciò è avvenuto nonostante la L.R. n. 17/98 prevedesse l’obbligo dei Comuni di rivedere il proprio PRG alla luce della Carta di destinazione d’uso del territorio, approvata dalla Comunità Montana. Tuttavia, la questione del boschetto paleo-palustre resta ancorata, per quanto a noi noto, a questo processo, nato perché avevamo notato, così come rilevato dal Corpo Forestale dello Stato, che “una porzione del bosco, pari a circa mq. 700, risulta ricolma di rifiuti edilizi, miste a terre e rocce da scavo… che avanzano gradualmente nell’area palustre cagionando un serio danneggiamento al bosco”.

Il Comune di Sassano avrebbe dovuto e potuto costituirsi parte civile in questo processo. Tuttavia, il cittadino comprende molte cose da questa triste storia, anche per quanto riguarda la vicenda legata all’interrogazione parlamentare a firma dell’On. Trepiccione, in quota Verdi, prima presentata su nostra proposta nel 2007 e poi “opportunamente” ritirata dallo stesso. Davvero un triste storia, che la dice lunga su un’intera classe dirigente e su chi, da anni, ha fatto soltanto da grancassa del potere, oppure ha taciuto, senza mai far venire alla luce questa scomoda verità.

 
Il Responsabile della Sede Codacons Vallo di Diano
dott. Roberto De Luca

 




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro